Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia

Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia

L’obiettivo del bando, è quello di promuovere l’innovazione didattica con la creazione, anche nelle scuole dei più piccoli, di ambienti e spazi innovativi, che garantiscano sicurezza, accessibilità, inclusività, flessibilità, nel rispetto dei principi di sostenibilità ambientale, e con arredi che consentano la riconfigurazione dello spazio sulla base delle attività di volta in volta previste.

Beneficiari dell’Avviso

Sono ammesse a partecipare al presente Avviso le istituzioni scolastiche statali con sezioni di scuola per l’infanzia attive, appartenenti alle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia- Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.
Ciascuna istituzione scolastica statale di cui al comma 1 può presentare una sola candidatura.

Tipologie di intervento

Gli interventi ammissibili prevedono l’allestimento e/o l’adeguamento degli ambienti destinati all’apprendimento a disposizione delle sezioni di scuola dell’infanzia, attraverso l’acquisto di arredi e attrezzature didattiche e digitali coerenti con gli obiettivi educativi della fascia di età 3-6 anni.

La dotazione di arredi può essere richiesta – nella percentuale massima del 60% e deve consentire la riconfigurazione dello spazio sulla base delle attività previste nel progetto educativo, di attrezzature digitali innovative, calibrate sulla base delle diverse tappe di sviluppo infantile e con attrezzature didattico-educative.

All’atto della candidatura, ciascuna istituzione scolastica compila, tramite l’apposita piattaforma, i dati di adesione richiesti per la realizzazione degli ambienti didattici, provvedendo contestualmente alla generazione del Codice unico di progetto (CUP), secondo la procedura indicata nello specifico manuale operativo dell’avviso e sulla base del seguente codice: codice di template CUP per l’azione “Ambienti didattici innovativi per la scuola dell’infanzia”:2205003.

Dotazione finanziaria

Un finanziamento complessivo pari a 159 milioni di euro per arredi, strumenti didattici e attrezzature digitali nella scuola dell’infanzia.
L’importo massimo del finanziamento per ogni istituto è pari a 75.000 euro.

Tutti i costi sono da considerarsi I.V.A. inclusa.

Termini e modalità di presentazione della candidatura

Gli interventi dovranno essere realizzati, collaudati e conclusi con tempestività e comunque entro il 31 dicembre 2022.
Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è fissato alle ore 12.00 del 17 giugno 2022.
La selezione delle candidature avverrà secondo la modalità “a sportello”.
Saranno pubblicate le graduatorie regionali con l’elenco delle scuole ammesse al finanziamento.
Si precisa che le attività relative alla presentazione della candidatura sulla piattaforma non rientrano tra le attività retribuibili a valere sul progetto stesso.

Spese ammissibili ed erogazione dei finanziamenti

In fase di candidatura l’Istituzione scolastica convalida un quadro economico preliminare che rispetta la seguente percentuale di ripartizione dei costi:

  1. Progettazione: 4% (max)
  2. Spese organizzative e gestionali: 4% (max)
  3. Forniture di beni e attrezzature: almeno 90%
  4. Pubblicità 0,5%: (max)
  5. Collaudo/regolare esecuzione: 1,5% (max)

L’attività alla pubblicizzazione riconducibile alla voce di costo “Pubblicità” è obbligatoria; di conseguenza la scuola che intenda azzerare l’importo ad essa associata, dovrà comunque garantire adeguate forme di pubblicità.

Tipologie di spese ammissibili per voci di costo

A. Progettazione
La progettazione consiste nell’insieme delle attività propedeutiche all’emanazione dell’avviso pubblico/richiesta di offerta/trattativa diretta/ordine di acquisto e del relativo disciplinare

B. Spese organizzative e gestionali
Si tratta di spese funzionali alla gestione e attuazione del progetto e includono:

  • compensi per il personale scolastico e per i soggetti coinvolti a vario titolo nell’attuazione dei progetti;
  • spese per la copertura assicurativa dei beni acquistati;
  • spese per le spedizioni postali.

C. Forniture di beni e attrezzature
Oggetto del presente avviso è la fornitura di beni per la realizzazione di ambienti didattici

D. Pubblicità
Il corretto adempimento rispetto agli obblighi di pubblicità costituisce una condizione imprescindibile il beneficiario è tenuto a svolgere una specifica azione di informazione, sensibilizzazione e pubblicità. Sussiste, altresì, l’obbligo di apposizione di targhette con logo, codice progetto e indicazione del fondo su tutti i beni acquistati con il FESR.

E. Certificato di collaudo, verifica di conformità o di regolare esecuzione
A seguito della realizzazione degli ambienti didattici, l’istituzione scolastica provvede al rilascio dei certificati di collaudo, di verifica di conformità o dei certificati di regolare
esecuzione. In merito alle spese ammissibili si precisa che non sono ammessi gli acquisti di cancelleria e materiale di facile consumo e i canoni di abbonamento a servizi.

Requisiti di ammissibilità

  1. Sono ammesse alla selezione le candidature che:
    1. provengano dalle istituzioni scolastiche di cui all’articolo 2 del presente Avviso;
    2. siano presentate attraverso le piattaforme GPU e SIF, nel rispetto dei termini previsti dal presente avviso per cui fa fede l’inoltro on line;
    3. presentino il formulario on line compilato in ciascuna sezione. Le candidature accettate sono solo quelle pervenute attraverso la piattaforma GPU e successivamente firmate digitalmente su SIF; non saranno accettate candidature trasmesse in altra modalità;
    4. abbiano acquisito il Codice unico di progetto (CUP), che dovrà essere riportato su tutti i documenti relativi alla procedura di attuazione;
    5. non superino l’importo massimo stabilito per il progetto, secondo quanto previsto dall’articolo 4, comma 2, del presente avviso;
    6. siano in possesso dell’approvazione del conto consuntivo da parte degli organi competenti relativo all’ultimo anno di esercizio utile disponibile, tenuto conto dell’attuale situazione di emergenza, a garanzia della capacità gestionale dei soggetti beneficiari richiesta dai regolamenti dei Fondi strutturali europei.
  2. La mancanza di uno solo dei suddetti requisiti comporta la non ammissibilità dell’istituzione scolastica al finanziamento oggetto del presente avviso.

 

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani sempre aggiornato sulle ultime novità!

ISCRIVITI